Benvenuti Nella Gabbia del Merlo

Nella Gabbia del Merlo era un modo di dire tra amici.

«Che fai stasera?»
«Vado nella gabbia del merlo.»

Era un modo per indicare un viaggio, di qualsiasi tipo. Mentale, fisico, qualsiasi. La necessità di viaggiare e di fare ci aveva spinto a creare una sorta di giornale online, in un’epoca in cui i blog non si sapeva nemmeno che fossero.

Poi il giornale muore, ma il dominio rimane. E diventa un luogo dove infilare immagini. Fotografie, grafiche, siti web.

Nella Gabbia del Merlo diventa un viaggio anche da aprire ad altri, per aiutare chi ha bisogno di comunicarsi in qualche modo, di viaggiare verso altri, e allora Nella Gabbia del Merlo si trovano anche siti internet realizzati per associazioni di attivisti, con le foto delle manifestazioni.

E fotografie di persone, di luoghi. Perché il viaggio resta la cosa più importante.